Gli auricolari contraffatti alla conquista degli Stati Uniti: già superate le cifre del 2020

Gli auricolari true wireless sono sempre più popolari e apprezzati dagli utenti, ma i prezzi (soprattutto per i modelli di brand più blasonati) continuano ad essere abbastanza alti: negli Stati Uniti il mercato delle cuffie contraffatte non si ferma e ha già superato in tutto e per tutto i numeri totalizzati nel 2020.

LEGGI ANCHE: TikTok da record: superati i tre miliardi di download per il social network

Secondo un report di The Information, nei primi nove mesi dell’anno fiscale 2021 sono stati trovate e confiscate oltre 360 mila unità, per un valore stimato di circa 62,2 milioni di dollari: già superato quindi quanto fatto nell’intero anno fiscale 2020, periodo durante il quale sono state confiscate all’incirca 295 mila unità. Solo ieri, sono stati beccati migliaia di auricolari contraffatti (di cui 5000 AirPods e 1372 AirPods Pro) per una cifra stimata di oltre un milione di dollari.

La maggior parte di questi auricolari è importato dalla Cina: alcuni sono creati con “stampi autentici” rubati dalle fabbriche Apple, mentre altri possono imitare il processo di associazione di AirPods su un iPhone e visualizzare un numero di serie Apple corretto. Evitare prodotti contraffatti può risultare quindi molto complicati e bisogna fare attenzione a dettagli molto piccoli.

L’articolo Gli auricolari contraffatti alla conquista degli Stati Uniti: già superate le cifre del 2020 sembra essere il primo su AndroidWorld.

Leave a Reply