L’app in questione si chiama Macintosh.js, è scritta in JavaScript (dunque, se non lo avete, dovrete