Build 2020, Microsoft “copia” Linux: ufficiale il Package Manager winget

sharing-caring-1

Dopo la panoramica pubblicata stamattina circa le novità in arrivo con il WSL 2 annunciate durante la Build 2020 e il primo approfondimento sul nuovo Windows Terminal 1.0 non potevamo non dare uno sguardo a winget. Si tratta del nuovo package manager nativo (e open source) che si ispira ad apt e dnf sviluppato da Microsoft per Windows.

Winget, il package manager per Windows

Di package manager per Windows ne esistono già da diverso tempo, ma si tratta solamente di progetti open source non ufficiali. Da oggi possiamo mettere le mani su un sistema gestito e mantenuto da Microsoft stessa. Come funziona? Il package manager si basa, ovviamente, sul terminale. Esattamente come apt, ad esempio, per installare Visual Studio Code sarà necessario dare il seguente comando:

  • winget Install vscode

Winget consente di cercare pacchetti attraverso il comando search e vi mostrerà informazioni con il comando show. Ci sono anche comandi per la validazione (hash e validate). Potrete aggiungere un repository di terzi e aggiungerlo come source.

Come specificato dagli sviluppatori winget non implica la fine di Windows Store, anzi. Lo store e il package manager coesisteranno. Lo store è per utenti meno smaliziati, winget offre funzionalità più avanzate e permette di installare, oltre ai programmi, anche framework, semplici librerie o utility.

windows 10 package-manager winget build 2020

Sarà possibile anche creare uno script che va ad installare tutte le proprie app preferite senza doverle scaricare dai vari siti ufficiali. Il package manager, inoltre, consentirà anche di installare le app presenti in locale. Il command line client “winget.exe” è già pre-configurato per puntare al repository di Microsoft. Gli sviluppatori di applicazioni per Windows possono richiedere di essere aggiunti al repo.

I fornitori di software indipendenti possono usare Gestione pacchetti di Windows come canale di distribuzione per i pacchetti software contenenti gli strumenti e le applicazioni. Per inviare i pacchetti software (contenenti i programmi di installazione con estensione msix, msi o exe) a Gestione pacchetti di Windows, è disponibile il repository dei manifesti dei pacchetti della community Microsoft open source in GitHub, in cui gli ISV possono caricare manifesti dei pacchetti per sottoporli a una valutazione. I manifesti vengono convalidati automaticamente e possono anche essere esaminati manualmente.

Ad oggi il codice sorgente è disponibile su GitHub mentre qui trovate un po’ di documentazione. Winget sarà disponibile a partire dal prossimo update di Windows 10 (Fall Creators Update 1709).

Seguiteci sul nostro canale Telegram, sulla nostra pagina Facebook e su Google News. Nel campo qui sotto è possibile commentare e creare spunti di discussione inerenti le tematiche trattate sul blog.

L’articolo Build 2020, Microsoft “copia” Linux: ufficiale il Package Manager winget sembra essere il primo su Linux Freedom.

Leave a Reply