A distanza di un anno dalla cancellazione del progetto, gli ingegneri Apple tornano a baloccarsi con un tappetino a induzione, e pare che un prototipo sia in dirittura d’arrivo. I precedenti esperimenti erano stati accantonati per via dei livelli insoddisfacenti di prestazioni raggiunte: troppo calore e troppe interferenze rendevano il dispositivo inaffidabile. In origine, AirPower avrebbe dovuto caricare iPhone, Apple Watch e AirPods a prescindere da come venivano posizionati, mentre sugli schermi dei dispositivi comparivano i livelli di carica.

Doveva arrivare a fine 2018, ma poi non se ne è saputo più nulla. Ora però tornano all’attacco: “AirPower non è morto” scrive su Twitter il leaker Jon Prosser. “Il progetto torna di nuovo attivo, internamente. Non c’è alcuna garanzia che riusciranno a finalizzarlo e rilasciarlo, ma non hanno ancora rinunciato e stanno cercando di re-ingegnerizzare le bobine per disperdere più efficacemente il calore. Il prototipo è in arrivo.”

E in effetti, la cosa era stata vaticinata pure da Ming-Chi Kuo che, solo pochi mesi fa, parlava di un “mat di ricarica wireless più piccolo” senza entrare troppo nei dettagli. Ora, invece, sappiamo che qualcosa bolle in pentola; quando e se vedrà le luci della ribalta, tuttavia, non è dato sapere.

Acquista su Amazon:


Belkin PowerHouse Dock di Ricarica, per iPhone e Apple Watch senza fili a 149,99€


Caricatore Wireless 3 in 1 per Apple Watch, iPhone e AirPods a 26,99€