La cosa è accaduta lo scorso 10 agosto. “Avevamo un mezzo piano per tentare di recuperarlo,” ha spiegato uno dei sommozzatori, “ma alla fine ho un po’ improvvisato, fino a toccare il fondo e sfiorare il telefono. L’ho afferrato e ho premuto il pulsante sul lato, e si è acceso. Lo schermo si è illuminato e c’era pure una chiamata persa dal nonno. Ho urlato sott’acqua. Era incredibile che funzionasse ancora dopo due giorni.”

Una bella notizia con lieto fine che però diventa sempre meno rara; se ricordate, solo pochi giorni fa parlavamo di due