La novità più interessante, tuttavia è il supporto all’audio multi-stanza sincronizzato, quella che una volta si chiamava filodiffusione. In pratica, parliamo della possibilità di ascoltare la stessa canzone senza interruzioni in ogni camera. Inoltre, gli speaker smart e compatibili col protocollo compariranno nell’app Casa assieme a tutti gli altri gingilli di domotica.

La feature non è una novità assoluta, nel senso che era supportata già anche con la vecchia versione di AirPlay, ma con una differenza fondamentale: funzionava solo se l’audio partiva da iTunes su Mac; ora, invece, si potrà usare anche iPhone e iPad, come sorgenti multi-canale.

Affinché la magia funzioni, tuttavia, c’è bisogno di hardware dedicato e aggiornato in modo specifico per supportare le nuove feature; è evidente, per esempio, che il buffer maggiorato richieda un quantitativo superiore di memoria che deve essere fisicamente disponibile sul dispositivo, altrimenti niente da fare. E ora che le specifiche definitive del protocollo sono state formalmente fissate, è possibile reperire sul mercato accessori e smart speaker compatibili al 100%con AirPlay 2. Basta dare un’occhiata alla