Si intitola Privacy on iPhone — Private Side, e mostra tutti gli escamotages con cui le persone cercano la privacy nel mondo reale: con insegne sulla porta, con chiavi e lucchetti, con veneziane e sussurri, e perfino con pareti, finestrini e -nei bagni dove non si può- con la distanza massima disponibile dagli altri.

E allora, perché non fare altrettanto anche con l’equivalente digitale delle cassaforti? La descrizione del video recita infatti:

“La tua privacy è importante. Dalla crittografia nelle conversazioni iMessage, o l’assenza della cronologia nei tragitti sulle Mappe, fino alle limitazioni sul tracciamento dei siti Web in Safari. L’ iPhone è progettato per proteggere le tue informazioni.”

Il riferimento, velato ed elegante, è ovviamente agli scandali di privacy che hanno recentemente coinvolto Google, il produttore di Android: dalle app Google che registrano gli spostamenti