Ecco la OxygenOS 5.1.0 per OnePlus 5 e 5T: Android Oreo 8.1 e gesture a schermo intero per 5T

OnePlus 5 e 5T ricevono entrambi l’aggiornamento della OxygenOS nel suo ramo stabile che giunge alla versione 5.1.0, la quale introduce Android Oreo 8.1 su entrambi i device e le attese gesture a schermo intero per OnePlus 5T in stile iPhone X, già avvistate sulle precedenti Open Beta.

Ecco il changelog completo, (quasi) identico per entrambi i dispositivi:

  • Aggiornamento del sistema ad Android Oreo 8.1
  • Patch di sicurezza Android aggiornate ad aprile 2018
  • Integrazione delle gesture a schermo intero solo per OnePlus 5T
  • Ottimizzazioni per la modalità gaming comprendenti il risparmio energetico e la sospensione della luminosità adattiva
  • Integrata la priorità di rete durante l’esecuzione della modalità gaming
  • Aggiunti i tag delle categorie nella sezione di ricerca relativa all’app drawer del launcher stock
  • Rinomina automatica delle cartelle in relazione alla categoria di appartenenza nel launcher stock

LEGGI ANCHE: OnePlus 5T, la recensione

Dunque, anche i possessori di OnePlus 5T con la versione stabile di OxygenOS avranno la possibilità di provare le gesture a schermo intero, introdotte ed ottimizzate nelle precedenti versioni della Open Beta e che permettono di usare il device senza ricorrere alla barra di navigazione inferiore per sfruttare al massimo la sua superficie.

L’aggiornamento ha un peso di 766 MB ed è in fase di distribuzione via OTA. Tutti gli utenti che stanno usando la versione stabile del software riceveranno la notifica di update in automatico. Per chi si trovasse sul ramo beta e desiderasse tornare alla versione stabile, dovrà scaricare dalla pagina di download ufficiale (questa per OnePlus 5 e questa per 5T) la ROM completa, appena verrà pubblicata, ed installarla mediante recovery stock con l’annesso wipe data.

Ringraziamo Dario per la segnalazione.

L’articolo Ecco la OxygenOS 5.1.0 per OnePlus 5 e 5T: Android Oreo 8.1 e gesture a schermo intero per 5T sembra essere il primo su AndroidWorld.

Leave a Reply